Home La storia Masseria Didattica Allevamento Lipizzani Conversano in carrozza Le nostre produzioni Eventi Contatti

Cavalli, conti e regine Lipizzano, una storia lunga 500 anni


Con la venuta degli Acquaviva d’Aragonaa Conversano ed esattamente Giulio Antonio I nel 1456, si sviluppò la prestigiosa razza dei cavalli Conversano.
Le terre dei conti erano adatte all’allevamento dei cavalli, vista la presenza di aree collinose. Molto probabilmente l’allevamento di questi cavalli veniva praticato nelle zone di AlberobelloNoci sin fino ai confini di Martina Franca
Verso la fine del 1400 i conti di Conversano divennero in breve tempo non solo gli allevatori più conosciuti del regno, ma anche i migliori istruttori di cavalli per l’arte bellica e per il trasporto.
 Nel periodo che seguì tutti i reggenti del regno di Napoli si rivolsero ai conti di Conversano per difendere i territoridel regno, in quanto non solo esperti, ma anche perché avevano un numero consistente di cavalieri.Nel 1580 l’arciduca d’Austria Carlo II fondò a Lipica (Lipizza) vicino Trieste, un grosso allevamento dove trasferì dei cavalli e fra questi favorì in particolar modo quelli provenienti dal regno di Napoli.
Nella metà del 1700 fu Maria Teresa d’Austria che li chiamò ufficialmente Lipizzani. Il capostipite dal mantello «morello» (nero) proveniva dall’apprezzatissimo allevamento dei conti di Conversano.